Spugna Luffa, la spugna vegetale della Natura

casalecalifornia-com-luffa-luffy-confezione-237px

La spugna Luffa

In Indocina, Indonesia e nei paesi dell’Asia tropicale e del Sud America la luffa la conoscono bene, sia come pianta ornamentale, alimentare oppure officinale, che come spugna e materiale fibroso. Si tratta di una pianta della famiglia delle cucurbitacee, ovvero delle zucche.

A vederla, la luffa, sembra proprio una grande zucchina rampicante, i cui frutti allungati e di forma cilindrica sono apprezzati da molte culture d’oltreoceano. Recentemente la coltivazione della luffa ha fatto capolino anche in Europa e si sta diffondendo anche in Italia, soprattutto in Sicilia e in Sardegna, dove la si apprezza come spugna vegetale. Si pianta verso la fine di marzo e la si raccoglie in autunno, necessita di molta acqua e spazio.

Come può la pianta della luffa diventare una spugna?

casalecalifornia-com-luffa-luffy-luffa-verde

casalecalifornia-com-luffa-luffy-buccia-semi

Quando il frutto della luffa matura si disidrata e perde gran parte del suo peso, ma non la consistenza particolare, diventando immangiabile.
Il corpo fibroso che caratterizza la luffa è ciò che poi viene tagliato e utilizzato come spugna per il corpo o per le stoviglie. In realtà della luffa non si butta via niente: i popoli che la conoscono bene hanno imparato ad apprezzare il gusto delicato dei suoi frutti ancora giovani, dei suoi fiori e le proprietà curative e detergenti del suo lattice, ottenuto attraverso l’incisione del fusto.

Una volta giunto a completa maturazione, il frutto viene abilmente sbucciato e ciò che resta è un reticolo di fibre elastiche e spugnose, molto leggere, di grosse dimensioni: il frutto della luffa raggiunge anche i 50 centimentri di lunghezza e un diametro di 20 centimetri!

La spugna Luffa, oltre ad essere un prodotto di origine vegetale e non inquinante, dona dei veri e propri benefici per chi la usa.

Primo fra tutti, una riattivazione di tutta la micro circolazione che riattiva il corpo e dona un senso di freschezza ed energia ritrovate. Per non parlare di come leviga e pulisce la pelle, non ha eguali con nient’altro! Io e tutte le mie allieve di yoga la utilizziamo da tempo, apprezzandone i grandi benefici.

Silvia Tonelli – Insegnante Yoga – www.menteolistica.com

profile-dx-silvia

Uso da anni la Luffa come spugna, sia in cucina per lavare posate e stoviglie, che per l’igiene personale nella doccia, utilizzando detergenti di origine esclusivamente vegetale.

Uno dei motivi per cui ho fatto questa scelta è che le comuni spugne sintetiche, composte da materiale non riciclabile né compostabile (che prevedono cioè l’utilizzo di materiale petrolchimico con un alta impronta ecologica sulle spalle), a fine vita, ahimè, vengono bruciate negli inceneritori di rifiuti o stoccate in discariche permanenti, in eredità all’ambiente ed ai posteri…

La Luffa vegetale invece, oltre a svolgere egregiamente la sua funzione, una volta consumata la ripongo della compostiera in giardino (o nel cassonetto dei rifiuti organici), così che possa trasformarsi in humus e generare nuova vita senza inquinare.

Passiamo alla Luffa e la Natura ci sorriderà!

Enrico Crabbia – Operatore Shiatsu

profile-sx-enrico

Come si usa la spugna Luffa?

casalecalifornia.com-spugna-luffa-spugna-vegetale-natura-1

Le spugne vegetali che si ottengono grazie alla luffa sono assolutamente naturali, ipoallergeniche e biodegradabili e rappresentano un’alternativa ecologica alle spugne realizzate con materiali sintetici. L’azione della spugna luffa sulla pelle è benefica: massaggiando il corpo con la luffa insaponata, stendendo sulla pelle uno strato di olio di mandorle dolci, per esempio, si ottiene un fantastico effetto rigenerante ed esfoliante. La pelle diventa subito più liscia e morbida e si purifica. Inoltre la spugna luffa si risciacqua facilmente e si asciuga altrettanto rapidamente, così da non ammuffire; dura molto tempo ed è igienica.

Ho provato la spugna di Luffa, reperita presso “Casale California”, e ne sono diventata una fan!

Che le zucche avessero numerose proprietà salutistiche era noto da tempo, ma che anche lo scheletro fibroso di questa particolare varietà di zucca trovasse un suo campo di applicazione, mi ha veramente stupito.

Una volta inumidita, la Luffa sostituisce le spugne in maniera egregia, completandone l’azione con un effetto esfoliante evidente seppur delicatissimo. Presso i clienti della mia erboristeria è stato un successo! Veramente un grande prodotto.

Da provare anche sulle stoviglie più delicate.

Miria Manni – Erborista – www.erboristeriadellangolo.it

profile-miria

 

La spugna Luffa è stata per noi una piacevole scoperta.

Ideale per le pelli delicate perché ipoallergenica, non graffia e si può utilizzare per detergere la pelle delicatamente. Inoltre, non essendo trattata con sbiancanti o trattamenti chimici resta naturale al 100%.

I nostri clienti sono stati favorevolmente sorpresi dai benefici di questa spugna, durante il massaggio sul lettino caldo di sale rosa.

Sonia e Susanna – www.SalariumStanzaSale.com

profile-sx-sonia-susanna

casalecalifornia.com-spugna-luffa-spugna-vegetale-natura-2

 

Altri usi della luffa

La varietà di luffa più morbida e con la trama fibrosa più larga, quindi meno utilizzabile come spugna, può essere impiegata per riempire e imbottire vari oggetti domestici, come sedie, poltrone, divani, oppure la si può utilizzare come suola per le ciabatte o come sottopiede traspirante. La luffa è spesso impiegata anche per il confezionamento di spugne per le stoviglie.

casalecalifornia-com-luffa-luffy-confezione

Consiglio: Al primo utilizzo bollire 3 minuti la spugna Luffa o immergere in acqua calda per 10 minuti, per facilitarne la morbidezza. Va fatto solo la prima volta.

(fonte cure-naturali.it)

Nel video che segue puoi sperimentare la pratica della “Spazzolatura” di Kneipp utilizzando la spugna Luffa invece della spazzola.

 

Ecco dove puoi prenotare/acquistare la spugna Luffa, da sola o abbinata a saponi e oli naturali

Direttamente ai nostri Mercatini Bio locali, settimanali.

Oppure…

A Vignola (Mo), presso Erboristeria Biancospino (Tel. 059 775412)

A Bazzano, Valsamoggia (Bo), presso Erboristeria Liquirizia (Tel. 051 832434)

A San Cesario sul Panaro (Mo), presso Erboristeria dell’Angolo (Tel. 059 933655)

A Spilamberto (Mo), presso Salarium Stanza di Sale (Tel. 327 798 66 08)

A Campogalliano (Mo), presso Erboristeria La Bottega di Viola (Tel. 059 851 999)

A Modena, presso Alchimia Natura (Tel. 059 270 547)

A Fano (PU), presso Erboristeria Fitoterapia Cosmetica Naturale (Tel. 338 455 0860)

[Nuovo!] Punto vendita a Sasso Marconi (Bo) Clicca per maggiori info >>

Share on FacebookGoogle+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail to someone