Musica per Piante e Musica delle Piante

ev-casalecalifornia.com-musica-per-piante

Musica per Piante: la Filarmonica di Londra suona davanti a un pubblico “vegetale”.

Sicuramente un concerto fragrante, quello tenuto dalla Royal Philharmonic Orchestra di Londra.

Sponsorizzato da QVC, una tv commerciale, la Filarmonica ha registrato un album speciale dal vivo, con musiche di Mozart chiamato The Flora Seasons: Music to Grow to.

Per dare il via alla stagione “verde”, l’orchestra ha disposto un centinaio di piante nella bella Cadogan Hall di Londra e ha interpretato Mozart per loro.
Alla fine il conduttore ha dichiarato: “Il pubblico più profumato con cui abbiamo mai suonato!”

casalecalifornia.com-musica-per-piante

Dal momento che l’ascolto di Mozart stimola il cervello (lo si fa sentire ai neonati), perché non fare lo stesso per le piante?

Nel 1973 Dorothy Retallack dell’università di Denver in Colorado, ha scritto il libro “The Sound of Music and plants” (ancora in vendita).

La sua ricerca consisteva nel suonare musica diversa a gruppi identici di piante: un gruppo “Rock” e un altro di musica più tranquilla. Dopo due settimane, le piante nella zona della musica tranquilla avevano dimensioni uniformi, erano brillanti e verdi, ed erano piegate di 15/20 gradi verso gli altoparlanti.

Le piante nella camera di musica rock erano invece diventate cadenti, i fiori sbiaditi e gli steli flettevano a distanza dagli altoparlanti… come volessero allontanarsi. Al termine dell’esperimento, la maggior parte delle piante “Rock” erano morte, mentre le “Tranquille” crescevano abbondantemente.

Pare che le piante preferiscono i violini alle percussioni. Particolarmente apprezzato il sitar, nessun interesse per la musica Country, il jazz è piaciuto.
Nel Regno Unito la musica indiana rende il latte delle mucche più dolce.

Secondo il Telegraph, alcuni ricercatori della Corea del Sud hanno scoperto che l’effetto delle onde sonore fa assorbire più ossigeno nei cavoli rispetto a quelli coltivati senza musica, per fare un esempio.

Altri esperimenti molto affascinanti sono stati fatti.

Dalla musica per piante… alla musica delle piante.

Nel video qui sotto,  una musica “eseguita” da una “Anthurium” (pianta originaria dell’America Equatoriale), grazie ad un particolare dispositivo elettronico.

Le piante emettono segnali reagendo a stimoli esterni. Tali segnali sono rilevabili come variazioni nel settore bioelettrico dell’impianto e possono essere convertiti in un segnale MIDI (Musical Instruments Digital Interface).
Mandando poi il segnale MIDI in un sintetizzatore e assegnando un suono, dopo qualche tempo le piante sembrano diventare consapevoli del processo; sembrano anche capire che quei suoni provengono da loro stesse.

Share on FacebookGoogle+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail to someone